C’è un baratro dove tutti gli uomini prima o poi devono finire
un abisso innanzi al quale sostare
c’è una voragine
un nodo allo stomaco
alla gola
con cui confidenziare

C’è tutto un universo
con cui fare i conti
contro cui schiantarsi

Io l’ho vissuto
nell’insulsa forma del paraculo

Se è vero che ogni uomo ha già scritto il proprio destino
allora il mio lo conosco a memoria
l’ho letto negli occhi delle donne che mi hanno voluto bene.

Annunci