C’è chi sa che cos’è l’ontologia,
c’è l’anarchico critico del clero,
c’è chi prega con un’ave maria,
c’è il realista, ingenuo ma sincero,
c’è il politico della borghesia,
c’è qualcuno che studia per davvero,
c’è il postmodernista (chiunque esso sia),
c’è un pensatore per ogni pensiero.

C’è il bello studentello sbarbatello,
c’è l’ermeneuta scalzo coll’I-phòn,
c’è il nichilista (tanto di cappello),
c’è la boutique de la revolutiòn,
c’è il giovane che fuma uno spinello,
c’è il vecchio che: “ma va’ laurà barbòn”,
e c’è quello, quell’altro e ancora quello,
c’è pure chi dimentico, pardòn.

C’è il logico che ignoro cosa faccia,
c’è il comunista pieno di rancori,
c’è il ciellino che glielo leggi in faccia
e c’è chi lecca il culo ai professori.
Tutti filosofi, piaccia o non piaccia,
tutti, per forza, grandi pensatori,
e del Pensiero, più nessuna traccia:
è l’unico, missà, rimasto fuori.

Annunci