Il sole come stella
calorosa,
la luna sua sorella
che sta in posa,
poi Venere fiammella
luminosa,
la luce che smarmella
su ogni cosa.

Io parlo sempre della
stessa cosa,
racconto una storiella
misteriosa,
ma poi mi perdo nella
nebulosa
d’un file che si cancella
sulla prosa.

La vita è troppo bella,
ma è ritrosa,
qualcuno si arrovella
e non si osa,
in mezzo alla ciambella
c’è qualcosa.

Sdraiata in camporella
la morosa,
è una fotomodella,
una studiosa,
somiglia a una gazzella
che riposa.

Annunci